Logo Romauno

ROMAUNO S.R.L.

invito alla presentazione di offerte irrevocabili

La società Romauno S.r.l., con sede in Roma Via Groenlandia n.41 è stata dichiarata fallita con sentenza del 29 gennaio 2016.

L’impresa opera nel settore della radiotelevisione in ambito locale.

La curatela del fallimento n. 78/16, autorizzata all’esercizio provvisorio dell’impresa, intende cedere un ramo d’azienda di propria titolarità mediante procedura competitiva volta ad acquisire proposte di acquisto alle inderogabili condizioni contenute nel seguente regolamento.

*****************

Il ramo d’azienda per il quale la procedura è interessata a ricevere offerte irrevocabili di acquisto è costituito dai seguenti beni:

  1. Autorizzazione generale di operatore di rete televisiva locale conseguita da Romauno S.r.l. a seguito di DIA Prot. n.92421 del 23.12.2010, ai sensi dell’art. 16 del Nuovo Regolamento relativo alla radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale (Allegato A alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 353/11/CONS e s.m.i.) nonché ai sensi e con le modalità di cui all’art. 25 del Codice delle comunicazioni elettroniche (d. lgs. n. 259/2003 e s.m.i.)
  2. Provvedimento di assegnazione del diritto d’uso definitivo in ambito locale (regione Lazio) rilasciato a Romauno S.r.l. dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) in data 11 marzo 2014, per una durata di venti anni sul canale 31 UHF
  3. beni strumentali: n. 3 combinatori 50w narraw band- 250W wide band istallato a Monte Lungo, 50w narraw band- 250 W wide band per monte Curio e 1KW narraw band- 2KW wide band per Frascati.

Il prezzo base d’asta del ramo di azienda di cui al precedente elenco è fissato in euro 120.000,00 (centoventimilaeuro), oltre oneri fiscali e costi notarili a carico dell’acquirente.

PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE

Le offerte di acquisto devono pervenire dagli offerenti entro le ore 13.00 del giorno 28 maggio 2018 sia in forma tradizionale presso lo studio del curatore in Roma Via Alessandro Farnese n.19 sia via telematica come indicato nel paragrafo seguente

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA TELEMATICA

L’offerta deve essere redatta mediante il Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” accessibile tramite apposita funzione “INVIA OFFERTA” presente all’interno dell’annuncio pubblicato sul portale www.pvp.giustizia.it. Una volta inseriti i dati ed i documenti necessari, il portale consentirà la generazione dell’offerta telematica che dovrà essere inviata ad un apposito indirizzo di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia mediante apposita casella di “posta elettronica certificata per la vendita telematica” oppure, in mancanza di tale apposito indirizzo, dovrà essere sottoscritta con firma digitale ed inviata tramite un normale indirizzo di posta elettronica certificata.

Nella pagina web iniziale Modulo web ministeriale “Offerta Telematica” è disponibile il “Manuale utente” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia contenente le indicazioni per la compilazione e l’invio dell’offerta telematica.

Non saranno accettate offerte trasmesse dopo il termine fissato per la presentazione dell’offerta d’asta.

Onde evitare la non completa e quindi mancata trasmissione della documentazione, è consigliabile iniziare il processo di inserimento della stessa con largo anticipo rispetto al termine fissato.

Le offerte presentate sono IRREVOCABILI. Una volta trasmessa l’offerta telematica non sarà più possibile modificare o cancellare l’offerta d’asta e la relativa documentazione, che saranno acquisite definitivamente dal portale e conservate dal portale stesso in modo segreto.

Le comunicazioni per via telematica saranno effettuate all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta.

I documenti richiesti, di seguito indicati, e che devono essere corredati all’offerta dovranno essere inseriti nella voce “allegati” nella pagina dedicata all’inserimento offerta (Si rimanda al link del manuale per la procedura completa ):

  1. da visura aggiornata del Registro delle Imprese;
  2. da documento d’identità dell’offerente o del suo legale rappresentante;
  3. dalla dichiarazione dell’offerente di essere in possesso dei requisiti richiesti dalla legge per divenire titolare dei titoli amministrativi elencati nelle superiori lett. a) e b) e che non ricorrono a carico dell’offerente le condizioni a ciò ostative previste dalla normativa vigente;
  4. dall’assunzione dell’obbligo, in caso di aggiudicazione, di effettuare tutte le comunicazioni, preventive (tra l’aggiudicazione provvisoria ed il saldo) e successive, al MISE ed all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni previste dalla normativa vigente anche per ottenere l’assenso alla cessione dei predetti titoli amministrativi, impegnandosi l’offerente, anche ai sensi dell’art. 1469 c.c., a versare comunque al Fallimento il corrispettivo offerto anche in caso di mancata autorizzazione al trasferimento da parte del Ministero e/o dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

L’offerta dovrà essere sottoscritta dall’offerente o dal suo legale rappresentante.

L’offerta deve contenere altresì:

  1. l’ammontare del prezzo offerto in misura non inferiore a quello base;
  2. assegno circolare dell’importo della cauzione, come precedentemente indicato;
  3. la dichiarazione dell’offerente:
    1. di possedere i requisiti di legge sopra indicati e che non ricorrono a suo carico le condizioni ostative previste dalla normativa vigente;
    2. di assumere l’obbligo, in caso di aggiudicazione, di effettuare tutte le comunicazioni, preventive (tra l’aggiudicazione provvisoria ed il saldo) e successive, al MISE ed all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni previste dalla normativa vigente anche per ottenere l’assenso alla cessione dei predetti titoli amministrativi;
    3. di ben conoscere i beni oggetto di acquisto per aver svolto al riguardo ogni accertamento ritenuto necessario e di aver attentamente valutato il contenuto del presente avviso e dei documenti allegati, ivi compresa la Relazione di stima, ed in particolare di essere a conoscenza della pendenza del contenzioso in essere tra il Fallimento ed il Ministero dello Sviluppo Economico ed altri soggetti in relazione alla titolarità dei diritti d’uso, nonché dei documenti ai quali viene fatto riferimento in detta Relazione, e di accettare, anche ai sensi e per gli effetti dell’art. 1469 c.c., mediante la presentazione dell’offerta i beni nello stato di fatto e di diritto in cui essi si trovano, dichiarando all’uopo di non aver nulla da osservare e rinunciando a qualsivoglia eccezione in merito;
    4. di impegnarsi, anche ai sensi dell’art. 1469 c.c., a versare il corrispettivo dovuto anche in caso di mancata autorizzazione al trasferimento da parte del Ministero e/o dell’Autorità per le garanzia nelle comunicazioni.

Versamento della cauzione

Ciascun concorrente, per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione di una cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta per un importo pari al 20% del prezzo offerto, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico bancario sul conto le cui coordinate sono: IBAN IT 24 B 08327 033980 00000015716.

La cauzione si riterrà versata solamente se l’importo risulterà effettivamente accreditato sul conto corrente intestato alla procedura entro il termine per la presentazione delle offerte.

Il mancato accredito del bonifico sul conto indicato è causa di nullità dell’offerta ed è ad esclusivo carico dell’offerente.

Il bonifico dovrà contenere la descrizione: “versamento cauzione”. La copia della contabile del versamento deve essere allegata nella busta telematica contenente l’offerta. Dopo il termine della gara, i bonifici saranno restituiti, al netto degli oneri bancari, a coloro che non siano aggiudicatari.

Assistenza

Per ricevere assistenza l’utente potrà inviare una e-mail all'indirizzo garaimmobiliare@astalegale.net, oppure contattare il call-center al numero 848 780013 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00 dal lunedì al venerdì, esclusi festivi.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA

PRESSO LO STUDIO DEL CURATORE

I soggetti interessati, dovranno far pervenire allo studio del curatore offerte irrevocabili scritte, con termine di validità non inferiore a 120 giorni, con decorrenza dalla data del deposito dell’offerta.

L’offerta dovrà possedere tutti i requisiti di completezza e dovrà indicare l’indirizzo di posta certificata ai quali ricevere le comunicazioni della procedura fallimentare.

Le offerte dovranno pervenire, in busta chiusa, mediante consegna a mano, entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 28 maggio 2018 (termine perentorio) presso lo studio del curatore Dott.ssa Franca Cieli, in Roma Via Alessandro Farnese n.19, sulla parte esterna della busta dovrà essere apposta la sola dicitura “offerta ramo di azienda Fall.to 78/16”.
Ad esse dovrà essere allegato, a titolo di cauzione, assegno circolare non trasferibile intestato a “Fallimento n.78/16 Romauno S.r.l.” pari al venti per cento dell’importo del prezzo offerto.

Potranno divenire aggiudicatari e quindi presentare offerta soltanto le società di capitali o le cooperative:

  1. che abbiano la propria sede legale in Italia, ovvero in uno Stato dello Spazio Economico Europeo, ovvero in uno Stato che pratichi un trattamento di effettiva reciprocità nei confronti dei soggetti italiani (comunque con esclusione delle amministrazioni pubbliche, degli enti pubblici anche economici, delle società a prevalente partecipazione pubblica e delle aziende e degli istituti di credito);
  2. abbiano come oggetto sociale anche l’esercizio dell’attività di operatore di rete televisiva in tecnica digitale terrestre;
  3. che comunque rispettino tutte le altre previsioni della normativa in materia radiotelevisiva, ivi comprese quelle di cui al Testo Unico per i servizi di media audiovisivi e radiofonici (d. lgs. 31 luglio 2005, n. 177 e s.m.i.), al Nuovo Regolamento relativo alla radiotelevisione televisiva terrestre in tecnica digitale (Allegato A alla Delibera n. 353/11/CONS dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e s.m.i.) nonché al Codice delle comunicazioni elettroniche (d. lgs. n. 259/2003 e s.m.i.).

Ogni interessato, salvo le incompatibilità di legge, è ammesso ad effettuare la proposta personalmente o a mezzo di procuratore speciale, non sono ammissibili proposte per persona da nominare.

L’offerta dovrà essere sottoscritta dall’offerente o dal suo legale rappresentante.

L’offerta dovrà essere corredata:

  1. da visura aggiornata del Registro delle Imprese;
  2. da documento d’identità del legale rappresentante;

L’offerta dovrà contenere altresì:

  1. l’ammontare del prezzo offerto in misura non inferiore a quello base;
  2. assegno circolare dell’importo della cauzione, come precedentemente indicato;
  3. la dichiarazione dell’offerente: di essere in possesso dei requisiti richiesti dalla legge per divenire titolare dei titoli amministrativi elencati nelle superiori lett. a) e b) e che non ricorrono a carico dell’offerente le condizioni a ciò ostative previste dalla normativa vigente; di assumere l’obbligo, in caso di aggiudicazione, di effettuare tutte le comunicazioni, preventive (tra l’aggiudicazione provvisoria ed il saldo) e successive, al MISE ed all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni previste dalla normativa vigente anche per ottenere l’assenso alla cessione dei predetti titoli amministrativi, impegnandosi comunque l’offerente, anche ai sensi dell’art. 1469 c.c., a versare comunque al Fallimento il corrispettivo offerto anche in caso di mancata autorizzazione al trasferimento da parte del Ministero e/o dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Le proposte di acquisto dovranno essere ferme e irrevocabili ex art. 1329 C.C. per un periodo non inferiore a 120 giorni dalla data della comunicazione alla curatela e non costituiscono alcun vincolo per quest’ultima che le sottoporrà ai competenti organi della procedura.

APERTURA DELLE OFFERTE

L’apertura delle buste avverrà il giorno 29 maggio 2018 alle ore 10,00 presso lo studio del curatore e si procederà all’apertura delle stesse alla presenza degli offerenti che sono obbligati a parteciparvi. All’apertura delle buste sono invitati a partecipare il comitato dei creditori. Le modalità di partecipazione alla gara sono indicate nel paragrafo “gara telematica”.

Sono esclusi dalla gara perché ritenute giuridicamente inesistenti, le offerte formulate in forme differenti e quelle subordinate, in tutto o in parte, a condizioni di qualsiasi genere.

Nel caso risulti pervenuta una sola offerta valida, si procederà all’aggiudicazione provvisoria dei beni a favore dell’unico offerente.

PARTECIPAZIONE ALLE OPERAZIONI DI VENDITA

Nelle tre ore precedenti l’inizio delle operazioni, e comunque entro mezz’ora dall’inizio delle stesse, Astalegale.net invierà all’indirizzo di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzato per effettuare l’invio dell’offerta, le credenziali per l’accesso al portale www.spazioaste.it e un avviso a connettersi entro l’orario previsto per l’avvio delle operazioni di vendita.

GARA TELEMATICA

Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in forma tradizionale partecipano comparendo innanzi al curatore presso lo studio in Roma; le buste presentate in forma tradizionale saranno aperte alla presenza del curatore; tali offerte saranno riportate nel portale a cura del professionista e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche.

Gli offerenti che hanno formulato l’offerta in via telematica partecipano collegandosi al portale www.immobiliare.spazioaste.it e seguendo le indicazioni riportate nel “Manuale utente” disponibile all’interno del portale stesso; le buste presentate con modalità telematica saranno aperte attraverso il portale e rese visibili agli offerenti presenti innanzi al delegato.

In caso di pluralità di offerte valide si procederà con la gara tra gli offerenti partendo, come prezzo base per la gara, dal valore dell’offerta più alta.

Alla gara potranno partecipare tutti gli offerenti le cui offerte sono state ritenute valide.

La gara, CHE SI SVOLGERA’ CON MODALITA’ SINCRONA MISTA, avrà inizio al termine delle operazioni per l’esame delle offerte, salvo eventuali modifiche che verranno tempestivamente comunicate dal curatore al termine dell’apertura delle buste a tutti gli offerenti ammessi alla gara. Tra un’offerta ed una successiva offerta potrà trascorrere un tempo massimo di 60 secondi.

I rilanci non inferiori ad €.1.000,00 effettuati dai partecipanti presenti innanzi al curatore saranno riportati nel portale a cura dello stesso e rese visibili a coloro che partecipano alle operazioni di vendita con modalità telematiche.

I rilanci effettuati dai partecipanti connessi al portale saranno resi visibili tramite il portale ai partecipanti presenti innanzi al curatore.

La gara telematica sarà dichiarata conclusa quando sarà trascorso il tempo massimo di 60 secondi senza che vi siano state offerte migliorative rispetto all’ultima offerta valida.

L’offerente che avrà fatto l’ultima offerta valida sarà dichiarato aggiudicatario provvisorio del bene.

Agli offerenti presenti che non risulteranno aggiudicatari verrà restituita la cauzione dopo la chiusura della gara.

Entro 60 giorni dall’aggiudicazione (termine perentorio) dovrà provvedere al versamento del saldo prezzo al netto della cauzione e l’acquirente dovrà intervenire dinanzi al notaio designato dal curatore per la stipula del contratto di cessione alle condizioni stabilite nel presente avviso.

Nel caso di inadempimento dell’aggiudicatario all’obbligo di versamento del saldo prezzo nel termine suindicato, il giudice delegato ne dichiarerà la decadenza, disporrà la perdita della cauzione e troverà applicazione la disciplina di cui all’art. 587 1° e 2°c.p.c.

Tutte le imposte, i tributi e/o diritti, spese notarili inerenti alla cessione del ramo d’azienda sono interamente a carico dell’aggiudicatario.

La presente sollecitazione non vincola in alcun modo la procedura fallimentare alla conclusione di alcun accordo con gli eventuali soggetti proponenti.

Gli organi della procedura valuteranno le offerte pervenute, riservandosi ogni provvedimento.

Il presente annuncio non costituisce offerta al pubblico di cui all’art. 1336 C.C..

Per quanto non espressamente previsto dal presente avviso si rinvia alle norme della legge fallimentare in materia di liquidazione dell’attivo.

L’aggiornamento della perizia di stima redatta dal dott. Marco Pavoni potrà essere visionata unitamente alla ulteriore documentazione sul sito www.astalegale.net.

PUBBLICITA’ E RIVISTE

Copia del presente avviso e di tutta la documentazione è visibile sul sito internet www.astalegale.net per l’intera durata della presente procedura. Ciascun interessato, previa sottoscrizione di un impegno di riservatezza, potrà visionare i documenti relativi al ramo d’azienda sul sito www.astalegale.net.

Per maggiori informazioni gli interessati potranno contattare il curatore a mezzo posta certificata al seguente indirizzo: "f78.2016roma@pecfallimenti.it.".

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA E PUBBLICA

Per ottenere le credenziali di accesso alla Data Room, sottoscrivere il contratto di riservatezza ed inviarlo via mail all'indirizzo: f78.2016roma@pecfallimenti.it

accesso data room

Accedi